Debutta a Pitti Bimbo Nolamisù, brand disegnato dalla stilista romana Francesca Liberatore

Debutta a Pitti Bimbo 78 (Firenze, 16-18 gennaio 2014) la collezione AI 2014/15 di Nolamisù, brand disegnato dalla stilista romana Francesca Liberatore, alla sua prima esperienza per il settore bambino. Il marchio, con sede a Dubai e in Libano, nasce dalla passione ed esperienza del general manager Tony Halab.

Come sei arrivata a questa prima esperienza nella moda bimbo?

La moda è sempre incontro e convergenza di situazioni. Tramite le esperienze in Giordania e Vietnam come esperta internazionale ho avuto la possibilità di incontrare altre professionalità e tramite una serie di passaparola si è arrivati nuovamente a me per guidare il processo creativo di questa linea, che doveva essere innovativa, giocosa e estremamente fashion. Ho incontrato Tony, colui che ha dato vita al marchio, il suo occhio e la passione per questo settore mi hanno convinta.

Quali sono le peculiarità di questo settore di mercato dal tuo punto di vista di creativa?

Indubbiamente è molto diverso dal mio pubblico, ma amo confrontarmi ed esplorare ambiti nuovi. Qui le dinamiche sono altre: il bambino vuole divertirsi, essere comodo e cerca sempre un effetto sorpresa, proprio come la collezione che ho creato per loro e per le mamme che li vogliono unici, vezzosi, con un tocco extra. Un occhio particolare anche al prezzo, aspetto in cui la bravura di uno stilista deve anche essere quella di rendersi conto della situazione intorno e dell'ambito che sta trattando, rispondendo al meglio alle necessità.

Il brand ha sede a Dubai e in Libano, quali ispirazioni hai raccolto da questi paesi? o il tuo lavoro si è mosso totalmente su altri binari?

il percorso, avendo dovuto creare l'intera immagine di un nuovo marchio è stato tortuoso anche a livello di tempistiche, sono partita quindi con l'osservazione personale dell'universo bambino ma successivamente consolidando il tutto con un veloce giro intorno al modo scoprendo materiali, colori, dinamiche, abitudini diverse….

Della tua cifra stilistica nella moda donna, cosa traspare nel lavoro fatto per nolamisù?

indubbiamente la particolarità delle concordanze e dissonanze della collezione e un dna molto attento ai bilanciamenti e alle forme, soprattutto quelle dei capi top, direi i must di nolamisù.

contatti: www.nolamisu.it

press: michela.colombo@eliterp.net

(15 gennaio 2014 – Giulia Rossi)

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti una migliore navigabilità. Leggi le condizioni sul trattamento dei dati personali.

Accetto