A Palazzo Pallavicini Surrealist Lee Miller

Palazzo Pallavicini  a Bologna e ONO arte contemporanea presentano la mostra “Surrealist Lee Miller” (14 marzo – 9 giugno 2019), la prima italiana della retrospettiva dedicata ad una delle fotografe più importanti del Novecento. Lanciata da Condé Nast, sulla copertina di Vogue nel 1927, Lee Miller fin da subito diventa una delle modelle più apprezzate e richieste dalle riviste di moda. Molti i fotografi che la ritraggono – Edward Steichen, George Hoyningen-Huene o Arnold Genthe – e innumerevoli i servizi fotografici di cui è stata protagonista, fino a quando – all’incirca due anni più tardi – la Miller non decide di passare dall’altra parte dell’obiettivo (ph: Copyright LeeMillerArchives, Self_portrait_with_headband, New_York, USA, c1932). 

Leggi di più

DOPO LA PRIMA/ L’uomo seme parla di disperazione e rinascita

Un mondo senza uomini. Ve lo immaginate? Certe volte, da donna, viene quasi da desiderarlo, ma in effetti a pensarci bene, sarebbe una vera tragedia. Come quella che vivono le donne di un piccolo villaggio dell’Alta Provenza, raccontato nel testo di Violette Ailhaud, autrice dello stupefacente manoscritto “L’uomo seme”, scritto per il teatro e interpretato da Sonia Bergamasco, in scena dal 5 al 10 marzo al Teatro Vascello di Roma.

Leggi di più

DOPO LA PRIMA/ L’elogio alla normalità per “La cena delle belve”

L’elogio della normalità, se in periodo di guerra e in particolare durante la Seconda Guerra Mondiale, può passare anche attraverso un paio di calze, un pacco di zucchero, salame e mortadella. Questi sono infatti alcuni dei doni che riceve per il suo compleanno la padrona di casa, responsabile di aver convocato la Cena delle Belve, come recita il titolo dello spettacolo recentemente in cartellone al Teatro Quirino di Roma.

Leggi di più

ICONA D’ARTE. Cecilia Matteucci Lavarini, collezionista eclettica

La prima esposizione di Stefano Bertolucci al Majestic di Bologna è legata al tributo a Cecilia Matteucci Lavarini, archivio vivente della moda e collezionista di veri tesori, dai kimono ottocenteschi ai grandi brand storici e contemporanei. Toscana di nascita ma bolognese d’adozione, vive circondata da arte e moda, tra Morandi e De Chirico, Chanel, Dior e molti altri.

Leggi di più

Ultimi giorni per visitare la retrospettiva su Alphonse Mucha a Palazzo Pallavicini a Bologna

Ultimi giorni per ammirare l’importante retrospettiva sull’opera di Alphonse Mucha, tra i più grandi interpreti dell’Art Nouveau, ospitata nelle meravigliose sale settecentesche di Palazzo Pallavicini (Via San Felice 24, Bologna) fino a domenica 20 gennaio 2018. La retrospettiva espone 80 tra le più celebri opere dell’artista ceco, di cui 27 esposte per la prima volta in Italia. La mostra, organizzata da Chiara Campagnoli, Rubens Fogacci e Deborah Petroni della Pallavicini srl in collaborazione con Mucha Foundation e con la curatela di Tomoko Sato, offre uno sguardo inedito sull’opera del grande artista.

Leggi di più

Omaggio a Diaghilev firmato Anna Lea Antolini all’Hotel De Russie

L’inizio del nuovo anno non poteva che essere inaugurato sotto il segno delle stelle! A rendere omaggio a Sergei Diaghilev, critico d’arte e amante dei balletti russi che nel 1913 cambiò la scena artistica in Europa, sarà una serata stellare  ideata e curata da Anna Lea Antolini con la partecipazione straordinaria del cast de “Les Étoiles”, il direttore artistico Daniele Cipriani e il primo ballerino Manuel Paruccini nella danza del prestigiatore cinese dal Balletto Parade di Léonide Massine, nel quartier general per eccellenza del balletto russo: Hotel de Russie di Roma.

Leggi di più

Per uno sguardo ironico sul mondo, gli occhiali Core mio

Leggerezza, consapevolezza e tanta, tanta ironia: Core mio. Non solo semplici occhiali da sole. “Sono il superpotere degli eroi quotidiani. Sono un messaggio forte per chi li indossa e per chi li guarda indossati. Sono uno strumento di forza e coraggio. Sono una dichiarazione d’amore. Core mio è un progetto del cuore. È il potere segreto, la bacchetta magica per chi sta affrontando la propria battaglia quotidiana, qualunque essa sia al grido di:  “L’ironia ci salverà.” Così la creatrice Laura Gobbi racconta la magia che si ripete ogni volta che qualcuno indossa questi occhiali.

Leggi di più
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti una migliore navigabilità. Leggi le condizioni sul trattamento dei dati personali.

Accetto